Sarcoidosi renale

Il coinvolgimento renale è frequente nella sarcoidosi, con conferma istologica dei granulomi in circa il 50% dei casi. Tuttavia, la sarcoidosi meno frequentemente causa una significativa compromissione della funzione renale. Nella maggior parte dei casi il danno renale è la conseguenza dell’ipercalciuria, che può causare nefrocalcinosi e nefrolitiasi. Altre cause di alterazioni del parenchima renale sono una nefrite interstiziale granulomatosa, le glomerulopatie e l’uropatia ostruttiva.  La nefrocalcinosi si osserva in circa la metà dei pazienti con sarcodiosi renale che hanno un’associata insufficienza renale, mentre la nefrolitiasi si osserva in circa il 10-15% dei pazienti con sarcoidosi.

In alcuni casi una nefrite tubulo-interstiziale acuta si associa ad uveite ed entrambe le manifestazioni rispondono bene alla terapia steroidea, che rappresenta il cardine della terapia delle complicanze renali della sarcoidosi. I glomeruli sono raramente colpiti dalla sarcoidosi ed è spesso difficile differenziare, anche istologicamente, una glomerulopatie sarcoidea da altre cause di glomerulonefrite.

L’insufficienza renale cronica è solitamente causata dalla nefropatia ipercalcemica. La sarcoidosi può recidivare anche nel rene trapiantato, per cui è necessaria una particolare attenzione nel primo periodo dopo il trapianto ed un monitoraggio continuo nei pazienti con sarcoidosi renale sottoposti a trapianto dell’organo.

In questa monografia sono trattati i principali aspetti della sarcoidosi renale, in particolare la patogenesi, la diagnosi e la terapia.

Puoi acquistare la monografia completa sul sito Amazon al costo di circa 1,76 euro

Parole chiave

Sarcoidosi, sarcoidosi renale, insufficienza renale, trapianto renale, ipecalcemia, nefrocalcinosi, glomerulonefrite

Lascia una risposta