Sarcoidosi cutanea – Manifestazioni cliniche, Diagnosi, Prognosi e Terapia

La sarcoidosi cutanea interessa prima o poi circa il 25-30% dei pazienti durante il decorso della loro malattia. Il tipo di lesioni cutanee e la loro frequenza sono influenzati da fattori ambientali e genetici. Le lesioni cutanee della sarcoidosi possono essere distinte in lesioni specifiche, nelle quali può essere dimostrata istologicamente la presenza di granulomi non caseosi, e lesioni aspecifiche. La morfologia delle lesioni cutanee e molto variabile. Fra le lesioni specifiche più frequenti ricordiamo: papule, noduli, placche, lesioni atrofiche o ulcerate. Una variante della sarcoidosi a placche è il lupus pernio che predilige le zone centrai del volto. Il naso è spesso sede di malattia. Questa lesione può provocare delle cicatrici deturpanti. Un’altra manifestazione aspecifica delle sarcoidosi è l’ eritema nodoso, che si presenta generalmente come chiazze dolenti di colore rosso-vinaccia localizzate agli arti inferiori. La biopsia cutanea non è sempre necessaria per la dimostrazione delle caratteristiche formazioni granulomatose. La terapia della sarcoidosi cutanea è indicata nei casi più gravi e in quelli con importanti manifestazioni sistemiche associate. I cortisonici sono i farmaci di prima scelta per il trattamento della sarcoidosi cutanea. Recentemente notevole efficacia è stata riportata per i farmaci anti-TNF, soprattutto l’infliximab.

In questo articolo sono discussi i principali aspetti diagnostici, prognostici e terapeutici della sarcoidosi cutanea.

Puoi acquistare la monografia completa ( ASIN: B01737JNFA) su Amazon in formato Kindle per circa 1,76 euro

Parole chiave (keywords)

Sarcoidosi, granulomi, malattie granulomatose, lupus pernio, lupus discoide, eritema nodoso, atrofia, alopecia, talidomide, metotrexate, talidomide, infliximab, laser, sindrome di Lofgren

 

Lascia una risposta